Pitigliano

 

Pitigliano stessa può essere considerata il primo importante monumento: con il suo centro storico, le cui case si innalzano senza soluzione di continuità di materiale e colore su uno sperone di tufo, si allunga tra due vallate apparendo all’improvviso al visitatore, straordinariamente spettacolare. Particolarmente suggestiva la visione notturna valorizzata da una sapiente illuminazione.

L’acquedotto mediceo

Realizzato sotto il dominio dei Medici insieme ai sottostanti lavatoi, con l’imponenza e l’eleganza dei sui archi, è il simbolo di Pitigliano.

Palazzo Orsini
Il primo nucleo (la Torre) risale al primo medioevo. Via via ristrutturato e ampliato, attualmente il palazzo costituisce un importante percorso museale, all’interno del quale sono contenuti prevalentemente oggetti di arte sacra, oltre a tele di Francesco Zuccarelli e una Madonna con il Bambino di Jacopo Della Quercia. Dalla elegante piazzetta del Palazzo si accede anche al Museo archeologico.

Museo civico archeologico
Contiene reperti etruschi rinvenuti nelle necropoli del territorio (VII° – VI° sec a. C. – di particolare pregio i grandi vasi di bucchero). Interessante il magazzino di deposito e restauro dei reperti situato al centro e visibile al pubblico.

Il centro storico
Si sviluppa su tre vie quasi parallele collegate tra di loro da una fitta rete di strette vie (i vicoli) alcuni dei quali terminano con affacci sugli strapiombi della rupe di tufo.

L’Antico Ghetto e la Sinagoga
Tutto il quartiere ebraico è stato recentemente recuperato e restaurato e costituisce ora un percorso nella cultura ebraica, arricchito da un museo didattico che permette di approfondire la conoscenza degli aspetti della vita e della religione ebraica.

Il Duomo
Restaurato e ampliato nel 1500, fu dedicato ai santi Pietro e Paolo. La facciata attuale, in stile barocco, risale all’XVII° secolo. La torre campanaria, attualmente alta 35 metri a tre ordini rastremati, era adibita in un primo tempo ad usi militari.

La Chiesa di S. Maria (S. Rocco)
Situata nell’antico quartiere di Capisotto, è la più antica chiesa di Pitigliano (XII° secolo). L’elegante facciata ha un bel portale e quattro lesene corinzie. L’interno è a tre navate divise da due file di colonne in travertino con capitelli corinzi sui quali poggiano gli archi.

Museo archeologico all’aperto “Alberto Manzi”
E’ un museo tematico, didattico – informativo. Vi sono ricostruite la “città dei vivi” e la “città dei morti”; numerosi pannelli didattici ampliano e completano le informazioni su momenti di vita, riti e cerimonie del popolo etrusco.

Le vie Cave
Sono passaggi tracciati dagli Etruschi scavando la roccia, lunghi diverse centinaia di metri e delimitate da pareti alte anche venti metri. Risultano percorsi estremamente suggestivi e interessanti anche per il tipo di flora che vi si sviluppa.

  • Prenota ora